Hikikomori

Foto: HIKIKOMORI night. Flickr/Hiroh Satoh

Del fenomeno Hikikomori / ひきこもり or 引き籠り (ragazzi che si auto-escludono dalla vita sociale mediando il contatto con la realtà attraverso Internet) se ne parla ora anche in Italia, dopo le prime osservazioni effettuate in Giappone e Corea. La Dott.ssa Carla Ricci, antropologa e ricercatrice presso l’Università di Tokyo, lavora da tempo al fenomeno ed è autrice di molteplici opere a riguardo.

orientarci/si

Abbiamo deciso di inaugurare “orientarci/si” con una performance a partecipazione collettiva poiché riteniamo che alcuni linguaggi siano in grado più di altri di “parlare” in modo efficace. L’arte, nelle sue tante forme e declinazioni, come sottolinea F. Schott-Billmann, da un lato di ex-prime (preme fuori, esprime) e dall’altro im-pressiona (preme dentro, im-prime), produce shock estetico e proprio per questo favorisce il processo trasformativo.

Quindi per presentarci come associazione che tenta il dialogo tra più ambienti disciplinari, abbiamo deciso di partire dall’esperienza, prima che dalla teoria. L’esperienza vissuta e condivisa dai partecipanti ha preceduto il tempo dedicato agli interventi verbali, volti a narrare ciò che ci muove e a dare voce ad alcuni membri che hanno portato la loro testimonianza rispetto all’uso che si può fare dell’antropologia fuori (e anche dentro) l’accademia.

L’uomo in Movimento: Mare Nostrum

Carta Nautica del Mar Mediterraneo, Luís Teixeira, Portogallo, 1600

Città, commerci e conquista

La prima “puntata” dell’ipotetico viaggio nella storia delle migrazioni umane si è chiusa con il primo grande movimento migratorio dell’essere umano che, dall’Africa orientale, si è spostato su grandi distanze, via mare e via terra, per colonizzare ogni terra emersa del globo.

Questo primo viaggio è il dato fondamentale che mostra come le migrazioni siano di fatto un elemento costitutivo dell’umanità e della storia di ogni civiltà che vive o che ha vissuto sul nostro pianeta. A convalidare questa tesi sta il dato di fatto che, dopo la prima colonizzazione del globo, l’essere umano non si è mai fermato e culture e società diverse hanno continuato a muoversi e a fondersi.

orientarci/si: arte, danza e antropologia

Venerdì 19 Maggio ramodoro presenta presso lo Spazio HYDRO di Biella i propri progetti con un evento che combina arte, performance e antropologia.

Un’occasione unica per riflettere su come ci orientiamo nella modernità. In questo mondo globale nel quale sempre più spesso l’uomo si sente spaesato, l’antropologia, che ha proprio nello spaesamento uno dei suoi principali strumenti euristici, intende proporre attraverso l’uso di linguaggi artistici approcci ibridi ed inediti per decifrare i segnali che ci circondano e provare così a ri-orientarci. L’evento sarà l’occasione per comprendere che cos’è l’antropologia, disciplina in costante ridefinizione di se stessa, e come questa può essere utilizzata per affrontare alcune delle grandi sfide odierne: comprendere cause e conseguenze della marginalità sociale e delle vulnerabilità strutturali, rivisitare l’incontro con l’Alterità, oggetto principe della disciplina antropologica, ma anche fondamento imprescindibile del vivere insieme.

La foresta ti ha

Storia di un’iniziazione

Ho conosciuto Luis Devin ad un workshop di Danzamovimentoterapia Espressivo-Relazionale un paio di anni fa, a Torino. Non sapevo che fosse narratore, ricercatore, antropologo della musica, etnomusicologo. In un contesto come quello ci si dà del tu, si apprendono i nomi dei compagni di esperienza, si comunica molto, e a fondo, ma con poche parole. Si va all’essenziale, le etichette professionali non sono fondamentali per qualificare la persona, arrivano dopo – se e quando arrivano. Ho scoperto degli interessi di Luis Devin a distanza di tempo, quando una compagna di scuola di DMT-ER mi ha regalato questo suo libro, pensando – bene – che potesse essere nelle mie corde. Ed è stato come conoscerlo una seconda volta, ri-conoscerlo, appunto.